Chiunque si cimenti nell’utilizzo del web per far conoscere le proprie creazioni, si sarà prima o poi posto il problema:è meglio aprire un sito o un blog? Ovviamente entrambi hanno vantaggi e svantaggi, analizziamo quindi i punti che li contraddistinguono.

Penso che la caratteristica principale che distingue un sito da un blog sia la costanza negli aggiornamenti. Il blog deve essere sempre aggiornato con nuovi contenuti, mentre il sito ha una funzione più espositiva: è una vetrina per i nostri prodotti e per il nostro lavoro; il blog ci permette, invece, di instaurare una comunicazione più amichevole, più social; per questo, spesso, si decide di affiancarlo ad un sito.  Moltissime creative utilizzano il blog per aggiornare i lettori su news, curiosità, eventi e mercatini, mentre il sito per esporre prodotti, dare indicazioni sulle spedizioni e per prendere contatti per le commissioni personalizzate.

sito-o-blog-01


Il blog è più facile da aggiornare e, forse, anche più intuitivo nella gestione.
Di contro, però, va aggiornato frequentemente e la navigazione è gestita dalla piattaforma che ci ospita;  generalmente non possiamo scegliere quali post far visualizzare prima di altri: il blog li disporrà in ordine cronologico. Il blog, inoltre, ha un servizio di hosting interno limitato; questo significa che, superati un certo numero di file caricati, dovremo optare per  un upload esterno.

 

Ads by Google

 

sito-o-blog-02

Per quel che riguarda i costi, la creazione di un blog generalmente ha costo 0. D’altra parte si ha un dominio di terzo livello (es.: creazioni.BLOGSPOT.IT), un hosting limitato e si è vincolati per la modifica e la gestione dei contenuti.
Per il sito il discorso è diverso. La prima spesa è quella del dominio, qualora si volesse utilizzare un dominio di secondo livello (es.: CREAZIONI.IT) . Poi c’è la spesa dell’hosting e l’investimento per un grafico o un programmatore che vi crei e vi avvii il sito.

sito-o-blog-03

La scelta per un blog o per un sito è quindi estremamente vincolata all’utilizzo che dobbiamo farne.
Chi è agli inizi e ha voglia di farsi conoscere,  con un investimento minimo (se si sceglie di acquistare almeno la grafica personalizzata) può iniziare creando un blog dove periodicamente caricherà i propri lavori, info sulle partecipazioni a fiere, mercatini e news. Il blog può essere anche un ottimo esperimento per testare l’interesse che i prodotti riscuotono nel pubblico.
Se invece siete già sicuri di quello che fate, avete le idee chiare, e volete partire alla grande, potreste pensare di aprire un sito.
Se opterete per entrambi fate in modo, tramite l’utilizzo di link e banner, che dal sito si possa accedere al blog e viceversa; vi consiglio di utilizzare la stessa grafica sia per sito che per il blog in modo da sottolineare ancora di più la vostra identità visiva.

sito-o-blog-04

Nel prossimo articolo alcuni consigli su: Come fotografare le proprie creazioni handmade.

 

 

 

Le immagini ed il contenuto di questo articolo sono un copyright (c) di Alessandra Loreti
E' proibita la riproduzione per scopi commerciali.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

Ti potrebbe interessare anche:

Iscriviti alla Newsletter

Iscrivendoti alla newsletter di Hobbydonna rimarrai aggiornata su tutte le nostre novità!
Non ti invieremo MAI spam... garantito!
I agree with the Privacy policy

Link consigliati

Calendario Fiere

Giugno 2019
L M M G V S D
27 28 29 30 31 1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30