Con la bella stagione la natura ci regala frutta e verdura in abbondanza. I migliori consigli per saper sfruttare questo  prezioso dono.
Questi consigli sono offerti dall'Almanacco Barbanera il più celebre almanacco d'Italia che viene pubblicato fin dal 1762,  con tante preziose pagine di buon vivere a cui affidarsi durante tutto l'anno.  

Pubblicità

BENESSERE CON LA NATURA

A PROPOSITO DI FRUTTA E VERDURA

L’estate porta con sé molti vantaggi: oltre al caldo, tanta buona frutta e verdura. Per mangiarne a sufficienza il segreto è introdurre nella dieta quotidiana 5 porzioni e 5 colori, ovvero 400 g di vegetali freschi. Ogni colore apporta diversi nutrienti. Il blu antocianine, betacarotene, vitamina C, potassio e magnesio. Il verde clorofilla, betacarotene, magnesio, vitamina C, acido folico e luteina. Il bianco polifenoli, flavonoidi, potassio, vitamina C e selenio. Il giallo flavonoidi, betacarotene, vitamina C e potassio. Il rosso licopene e antocianine. Spremuta a colazione, verdure crude a pranzo, frutta fresca a merenda e verdure di contorno a cena.

Frutta e verdura

Foto di Mittmac da Pixabay

PIÙ BELLI E IN FORMA 

GAMBE, VIA IL GONFIORE

In caso di gambe gonfie, da supini, fate per 20 volte il movimento di pedalare in aria. Poi appoggiate i piedi in alto, su una parete, e mettete una pallina da tennis sotto un piede, giratela per 20 volte e ripetete con l’altro piede. Quindi riposatevi appoggiando alla parete per 5 minuti la pianta dei piedi, poi per altri 5 minuti il bordo esterno dei piedi. 

MALVAROSA PER PELLI ARROSSATE

Per sfiammare la pelle arrossata dal sole e dal vento, fate bollire un pugno di foglie fresche di malvarosa, Althaea rosea, in 250 g di latte per 3 minuti, poi colate. Usate il latte, la sera, per detergere la pelle e fare degli impacchi. Ripetete il trattamento al mattino.

 

Esercizi con gambe in su

Foto da Rawpixel


IL LINGUAGGIO DEI FIORI 
Limone, pianta solare e gioiosa   

L’albero del limone cresceva allo stato spontaneo soprattutto sulle montagne della penisola indocinese e nelle foreste ai piedi dell’Himalaya. Furono probabilmente i Romani a importare dall’Oriente i primi limoni, alberi gioiosi, solari, con fiori che sbocciano più volte, caratteristica che ispirò i versi di Torquato Tasso: “Co’ fiori eterni eterno il frutto dura; / e mentre spunta l’un, l’altro matura”. Il limone giunse tardi in Europa per suscitare nella fantasia antica i miti che avrebbe meritato, ma i suoi colori, la splendida vitalità dei suoi frutti e il suo giallo intenso l’hanno reso il simbolo per eccellenza della solarità e della gioia di vivere.

Pianta di limoni
Raffaele Zandonella Necca da Pixabay

Hanno detto:

Posati bellezza, e vola quando vuoi. Io da questo momento navigo nelle tue acque.
Daniel Pennac

Le immagini e l'idea di questa particolare realizzazione sono un copyright (c) di Hobbydonna.it
E' proibita la riproduzione per scopi commerciali

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

Ti potrebbe interessare anche:

Iscriviti alla Newsletter

Iscrivendoti alla newsletter di Hobbydonna rimarrai aggiornata su tutte le nostre novità!
Non ti invieremo MAI spam... garantito!
I agree with the Privacy policy

Link consigliati

Calendario Fiere

Luglio 2020
L M M G V S D
29 30 1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31 1 2