Siamo ancora in inverno, ma l’organismo sa che è tempo di prepararsi  al periodo primaverile. Consigli per affrontare al meglio questo cambiamento
Questi consigli di bellezza e benessere naturale sono offerti dall'Almanacco Barbanera dal 1762, il più celebre almanacco d'Italia.

DEPURARSI IN MANIERA NATURALE

Siamo ancora in inverno e le temperature continuano ad essere piuttosto fredde, ma l’organismo sa che è tempo di prepararsi alla nuova stagione in arrivo, al periodo primaverile, quello della rinascita e della rivitalizzazione. Per accogliere adeguatamente la bella stagione è indispensabile iniziare a depurarsi e disintossicarsi già adesso, alimentandosi in modo leggero. Uno stile alimentare sano permette infatti di avere più energia da dedicare al riequilibrio e alla funzionalità degli organi. La purificazione del corpo deve coinvolgere l’intestino e i reni. Il primo con l’aiuto di fibre provenienti da cereali integrali, legumi, frutta e verdura. I reni, invece, bevendo circa due litri di acqua al giorno e tisane drenanti, per eliminare le scorie.

Colazione sana

photo credit: pixabay.com



Pubblicità

PIÙ BELLI E IN FORMA

Stop alla forfora

La forfora può essere dovuta a un eccesso di sebo o, più spesso, a un fungo chiamato malassezia. In attesa di consultare un dermatologo, evitate gel o altri prodotti per capelli e fate uno shampoo due volte alla settimana massaggiando prima il cuoio capelluto con olio di neem (che si acquista in erboristeria).

Patate contro le occhiaie

Per eliminare le occhiaie evitate, di sera, cibi salati e grassi, applicate sulla zona delle occhiaie fettine di patata cruda e fredda, e massaggiate picchiettando con i polpastrelli con una crema drenante alla centella asiatica per stimolare la microcircolazione.

Maschera alle patate

photo credit: www.naukrinama.com

IL LINGUAGGIO DEI FIORI

Violetta africana, desiderio di stare insieme

Anticamente, in Africa la violetta cresceva spontanea alle pendici del Kilimangiaro e gli indigeni estraevano dalla pianta una sostanza con la quale curavano le malattie degli occhi. In Europa fu portata solo nel 1879 dal barone tedesco, appassionato di botanica, Walter Saint Paul, dal quale deriva il nome scientifico della pianta, Saintpaulia jonantha. La storia narra che, a causa di un incidente, la regina Vittoria d’Inghilterra rischiava di perdere la vista: i suoi ministri, saputo dell’esistenza della pianta africana, nel 1879 organizzarono una spedizione dalla quale Saint Paul riportò la violetta, che ridiede la vista alla regina. Se regalata, la violetta africana esprime il desiderio di stare insieme, di condividere delle esperienze e, a volte, di un amore nascente.

Violette Africane
photo credit: pixabay.com

Hanno detto:

La bellezza non è qualcosa per cui si gareggia: ciascuno ha qualcosa di bello da scoprire; l’attenzione è la chiave della scoperta.
Dacia Maraini

Le immagini e l'idea di questa particolare realizzazione sono un copyright (c) di Hobbydonna.it
E' proibita la riproduzione per scopi commerciali

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

Ti potrebbe interessare anche:

Iscriviti alla Newsletter

Iscrivendoti alla newsletter di Hobbydonna rimarrai aggiornata su tutte le nostre novità!
Non ti invieremo MAI spam... garantito!
I agree with the Privacy policy

Link consigliati

Calendario Fiere

Aprile 2019
L M M G V S D
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 1 2 3 4 5